Via A. Pennasilico,16

80026 Casoria, Na - Italia

+39 339 161 8395

24/7 Assistenza Clienti

Orario: h24 7/7

Sempre aperti

Il NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) dalle origini, Napoletane, fino ai tempi nostri

carrozza-mutotravel-'800

L’esigenza di muovere cose e persone era piuttosto sentita già fin dai tempi della preistoria. Tramite mezzi trainati da uno o più animali (in genere cavalli), per le cose si parla di carro, mentre per le persone si parla di carrozze.

Le prime testimonianze dell’esistenza delle carrozze risalgono al XIII secolo, in Italia e, più precisamente a Napoli, con l’ingresso trionfale, a bordo di un carroccio adornato da un drappo, effettuato dalla moglie di Carlo I d’Angiò: Beatrice di Provenza.

Nel 1721 tocca a Papa Gregorio X che, a bordo di una carretta chiusa da vetri, entra a Milano. Il primo vero progetto di carrozza chiusa venne realizzato nel 1300 in occasione del matrimonio tra Galeazzo I Visconti e Beatrice d’Este. Questo viene considerato l’anno zero della carrozza, il cui utilizzo cominciò a diffondersi come appannaggio delle sole famiglie nobili.

L’Italia rappresenta dunque la culla ed il terreno di sviluppo di questo mezzo.

L’evoluzione attraverso i secoli successivi riguarderà la conformazione e la ricerca di sistemi di ammortizzamento delle carrozze per rendere sempre più confortevole il viaggio degli occupanti, fino ad arrivare alla seconda metà del XVII secolo.
La prima carrozza moderna, con abitacolo chiuso da sportelli dotati di vetro, nasce infatti nel 1670 a Berlino, da cui poi eredita il nome di “berlina“. Dietro richiesta di Federico Guglielmo I di Brandeburgo , viene disegnata dall’architetto piemontese Filippo di Chiese.
La conduzione della carrozza era affidata ad una persona che sedeva davanti o dietro, in posizione elevata e fuori dall’abitacolo: il cocchiere.

Il cocchiere segue il nobile, suo datore di lavoro, nei suoi spostamenti per affari, per i ricevimenti ed anche per degli incontri galanti. Diviene così uomo di fiducia di questi che, di contro, gli richiede conoscenza del galateo, flessibilità, disponibilità e grande discrezione. Non solo, ma si deve occupare anche della pianificazione dei viaggi, delle eventuali soste, dei cavalli e dell’efficienza della carrozza che deve essere sempre all’altezza dell’immagine del trasportato.
Agli inizi del ‘900 le carrozze hanno cominciato a sparire. E’ la naturale evoluzione attraverso la comparsa delle prime autovetture che ne hanno poi ereditato anche i nomi a seconda del tipo di carrozzeria che le compone. La figura del cocchiere viene così a mancare, sostituito dalla figura dell’autista.
Al termine di questa breve analisi appare chiaro come l’NCC, Noleggio Con Conducente, incarni la naturale evoluzione del cocchiere. Il nostro lavoro, seppur integrato dall’avvento della tecnologia, sostanzialmente è rimasto lo stesso. Ancora ci occupiamo di gestire e pianificare i viaggi che ci vengono richiesti e siamo ancora legati al galateo, alla flessibilità ed alla discrezione. Si è aggiunta la puntualità che nella nostra era smart è diventata fondamentale al pari delle altre qualità richieste.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Una risposta

  1. Transfer Napoli per Amalfi ottimo servizio
    Il noleggio con conducente è un ottima soluzione per raggiungere la destinazione per le vacanze, sai quando spendi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *